Milan, la presentazione di Pioli: “Lo scetticismo dei tifosi è solo uno stimolo”

Paquetà e Piatek

La conferenza stampa di presentazione di Pioli: "I giocatori hanno buone potenzialità, sono convinto di poter fare bene: lotteremo per la Champions"

In seguito all’annuncio ufficiale del suo insediamento sulla panchina del Milan, Stefano Pioli si è recato in sala stampa per la conferenza di presentazione“So di essere stato chiamato da un grande club, tra i più prestigiosi al mondo. Credo che il Milan sia una buona squadra, i giocatori hanno buone potenzialità, sono convinto di poter fare un buon lavoro insieme alla società che mi ha dato fiducia. Arrivo qui con entusiasmo e passione”.

La conferenza stampa di presentazione di Pioli

“Tifosi scettici? Ho rispetto per loro e hanno diritto di critica.  Non sono sui social, ognuno è libero di dire quello che penso. Per me questo è uno stimolo, inizierò a lavorare sulla testa dei giocatori e sui principi che voglio trasmettere alla squadra. Bisogna tener duro nei momenti difficili, io mi adatto ai miei giocatori, ci sono tutte le condizioni per fare bene, i tifosi sono esigenti ed è giusto che sia così: dobbiamo essere all’altezza”.

“Subentro a 31 giornate dalla fine, quindi c’è tempo per lavorare. Dobbiamo lottare per andare in Champions League, abbiamo giocatori che possono risolvere le partite. Abbiamo grande concorrenza, ma dobbiamo avere coraggio. Dobbiamo ricordarci che siamo il Milan, senza avere ansia. Con il lavoro e il sacrificio si possono raccogliere risultati positivi. In passato forse ho mollato qualche occasione, ma adesso non capiterà più”.

Pioli su Piatek, Paquetà, Leao e Suso

“Piatek è efficace in area di rigore, molte volte l’attaccante è condizionato dal lavoro della squadra. Meglio avere più giocatori in area di rigore avversaria. Paquetà credo sia una mezzala completa, ha anche i gol nelle corde. Leao ha grande potenziale, ma non posso garantire che sarà un punto fermo. Suso è un giocatore di qualità indiscutibile, deve fare tanti uno contro uno, può fare molto bene”.

Pioli su Giampaolo

“Giampaolo è un bravo allenatore, ma è diverso da me. Partiamo da un buon livello, ci sono ragazzi di valore. Marco ha lavorato bene, vorrei un calcio positivo che i ragazzi abbiano il piacere di giocare, devo aiutarli a farlo. Tre cose che voglio vedere? Idee, intensità e spregiudicatezza”.

TAG