Serie Minori

Serie D: ecco quanti tifosi potranno assistere ai play-off

Presenza di pubblico alle gare dei play-off del campionato di Serie D 2020-2021. Ecco coloro che potranno ritornare allo stadio

Ecco quanto disposto e comunicato dal Dipartimento Interregionale.

Serie D: ecco quanti potranno assistere ai play-off

Ecco il comunicato:

La capienza consentita non può essere superiore al 25 per cento di quella massima autorizzata e, comunque, il  numero  massimo  di  spettatori  non  può  essere  superiore  a  1.000  per  impianti all’aperto  e  500  per  impianti  al  chiuso.

Le  attività  devono  svolgersi  nel  rispetto delle   linee   guida   adottate   dalla   Presidenza   del   Consiglio   dei   ministri   – Dipartimento per lo sport, sentita la Federazione medico sportiva italiana (FMSI), sulla  base  di  criteri  definiti  dal  Comitato  tecnico-scientifico.

Quando  non  è possibile  assicurare  il
rispetto  delle  condizioni  di  cui  al  presente  articolo,  gli eventi e le competizioni sportive, di cui al presente comma, si svolgono senza la presenza di
pubblico.

Serie D: i requisiti mini richiesti

Si precisa, pertanto che dovranno essere garantiti i seguenti requisiti minimi;
– prenotazione e assegnazione preventiva del posto a sedere;
– registrazione delle presenze con autocertificazione;
– rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro (testa a testa) sia frontalmente che lateralmente;
– obbligo misurazione temperatura all’accesso e divieto di accesso per i soggetti con temperatura superiore a 37,5° o sintomi dichiarati riconducibili al covid 19;
– utilizzo obbligatorio della mascherina per tutto il tempo di permanenza nella struttura;
– disponibilità di distributori gel igienizzanti.

In ogni caso le Società sono tenute al rispetto delle linee guida F.I.G.C. per lo svolgimento delle competizioni   in   presenza   di   spettatori,   finalizzate   al   contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 del 31 maggio 2021.

Serie D: disposizioni protocollo Covid 19

Si  invitano  tutte  le  società  in  organico  a  rispettare  le  disposizioni  F.I.G.C.  previste nei protocolli con le indicazioni generali finalizzate al contenimento dell’emergenza epidemiologica da COVID-19 del 10 agosto e del 17 settembre 2020 e di attuare tutte le disposizioni ivi contenute.

Si  precisa,  giusta  quanto  disposto  dal  DCPM  del  3/11/2020  che,  anche  con  la presenza di pubblico alle gare prevista dal D.L. del 22 aprile 2021 n. 52 all’art. 5, salvo provvedimenti diversi emessi dalle autorità preposte, potranno essere ammessi all’interno della struttura:
–    n. 40 persone per ciascuna società ivi compresi coloro inseriti in distinta di gara;
–    Arbitro ed Assistenti;
–    Osservatore Arbitrale e/o Organo Tecnico;
–    Responsabili servizio sanitario e/o 118
–    Forze dell’Ordine, Polizia Municipale, Vigili del Fuoco;
–    n. 6 raccattapalle;
–    Commissario di Campo se designato;
–    Fino ad un massimo di n. 22 giornalisti regolarmente accreditati;
–    n. 1 Operatore o Tecnico per emittente accreditata;
–    Troupe televisive Emittenti titolari del diritto di esclusiva;

–    fino   ad   un   massimo   di   15   fotografi   compatibilmente   con   lo   spazio  consentito dall’impianto. Tutti i fotografi accreditati per l’evento dovranno posizionarsi rispettando il  distanziamento  necessario.  I  fotografi  potranno  accedere  all’interno  del  recinto  di gioco e dovranno disporsi sui lati corti dietro le porte. Non verranno effettuate foto di squadra e non sarà permesso loro la sosta e/o il transito sui lati lunghi ivi compreso la zona  delle  panchine.

I  fotografi  dovranno  mantenere  le  distanze  di  sicurezza  da qualsiasi  altra   persona   presente   a   bordocampo   ed   essere   muniti   di   protezioni personali (mascherine);
–    n. 4 steward e/o personale di servizio.

La corretta osservanza delle suindicate disposizioni eviterà l’adozione di qualsiasi provvedimento a   carico   delle   società   ospitanti, le quali   dovranno   segnalare eventuali  ed ulteriori  presenze  di  persone  non  autorizzate  al  responsabile  del Servizio di Ordine Pubblico.

Articoli correlati

Back to top button