ApprofondimentiChampions LeagueCuriosità

CR7, un campione senza rispetto e la caduta di stile della Juventus

Cristiano Ronaldo è l’uomo più chiacchierato del momento e probabilmente anche il calciatore più forte al mondo. Un talento assoluto, un professionista ineccepibile ma con qualche caduta di stile non proprio da sportivo come spesso si professa.

Lo smacco a Modric

Ieri nella serata dei sorteggi dei gironi di Champions League era l’uomo più atteso per svariati motivi: la premiazione ed il ritrovare il suo ex patron ed i suoi ex compagni del Real Madrid. Tanta attesa a Montecarlo, la cerimonia inizia in ritardo pare proprio in sua attesa ma quella poltrona resta vuota. Si pensa ad un ritardo ma quando inizia a trapelare la voce che sarebbe stato Modrid a ricevere il premio di miglior giocatore della scorsa edizione della Champions è chiaro a tutti cosa accade.

CR7 non si presenta proprio per il mancato premio che si aspettava. Non è la prima volta che accade qualcosa di simile con dure polemiche negli anni con il suo “nemico” sportivo di sempre Leo Messi. In questo caso però la caduta di stile è ancora maggiore perchè ad essere premiato è stato un suo ex compagno di squadra ed amico: Luka Modric. Un comportamento che ha fatto e farà discutere quello del talento portoghese.

La caduta di stile della Juventus

Un gesto che ha fatto “cadere” anche la Vecchia Signora. Le parole di Marotta a margine del sorteggio infatti hanno in sostanza giustificato l’assenza di Ronaldo. Non solo, l’ad ha anche in sostanza ribadito che la Juventus non fosse in linea con la scelta di dare il premio a Modric. Parole che non ci si aspetta dalla Juventus da sempre regina in questo campo. Nel 2018 è la seconda volta che accade e l’ultima volta fu proprio protagonista Ronaldo ma da avversario. Forse il silenzio ieri sarebbe stato più gradito.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio