Serie A

Roma, Mancini: “Quello di Ibanez su Ibra era un contrasto normale”

Gianluca Mancini è intervenuto dopo la gara con il Milan ed è tornato in particolare sul contatto ritenuto da rigore di Ibanez su Ibrahimovic

Gianluca Mancini è intervenuto dopo la gara con il Milan ed è tornato in particolare sul contatto ritenuto da rigore di Ibanez su Ibrahimovic. Lo stesso arbitro Maresca che nel finale ha deciso di non fischiare un rigore ai giallorossi per un fallo su Pellegrini, scatenando l’ira della panchina e dei tifosi della Roma.

Mancini sul contatto tra Ibanez e Ibrahimovic

“Vengono a parlare, facciamo riunioni e ci dicono di stare attenti con i falli di mano. Noi difensori sembriamo pinguini, ma quella è la regola e va bene. Sui contatti, ogni anno dicono che vogliono dare meno rigori e poi un rigore del genere, su un contrasto normale dove Ibañez non tocca Ibra e Ibra non va nemmeno a calciare. È un contrasto normale tra professionisti. Se ogni volta fischi questo rigore non è più calcio secondo me. Poi il Var richiama l’arbitro, hanno l’aiuto del Var… L’arbitro può sbagliare come noi, ma poi al Var ci sono 5 arbitri e se vieni richiamato qualcosa hai sbagliato”.

Conclude sempre sull’arbitraggio di Maresca

“Sì. Io sono uno che guarda tantissimo le statistiche. A fine partite 12 ammonizioni complessive, poi ci paragoniamo alla Premier League. Se vedono un rigore del genere si mettono a ridere. Ogni fallo un’ammonizione. Sono arrabbiato, non voglio mancare di rispetto a nessuno però così secondo me è una presa in giro, soprattutto il rigore di Pellegrini”.

Articoli correlati

Back to top button