Napoli, la squadra in ritiro fino alla partita con l’Udinese

Napoli sostituto Ancelotti

Ritiro Napoli, dopo la sconfitta contro il Bologna era logico aspettarsi una qualche decisione forte del tecnico ex Real Madrid

Dopo la sconfitta con il Bologna, Ancelotti aveva detto che avrebbe incontrato e parlato con tutta la squadra per decidersi il da farsi. Così il Napoli, inteso proprio come giocatori e staff tecnico, ha deciso di andare in ritiro.

Ritiro Napoli

I partenopei non sanno più vincere in campionato. Ieri sera la goccia che fatto traboccare il vaso, il punto di non ritorno. Gli azzurri si sono fatti rimontare in casa dai rossoblu e sono usciti tra i fischi del San Paolo. Aggiungiamo a questo anche le difficili dinamiche societarie: senatori come Callejon e Mertens sono in scadenza di contratto e non sembrano aver avviato ancora i contatti per un possibile rinnovo, tanto che si parla di una partenza anticipata già a gennaio. Il primo provvedimento, dunque, deciso da Ancelotti è stato quello di mandare in ritiro la squadra, anche per ritrovare l’unità perduta.

Le parole di Ancelotti

Già ieri sera il tecnico era sembrato molto amareggiato dalla situazione, accusando soprattutto l’atteggiamento della squadra, annunciando un possibile incontro tra le parti per capire cosa fare e come proseguire il resto della stagione. Per ora l’allenatore gode della fiducia della società e la sua posizione non pare a rischio, ma le prossime partite dovranno fruttare necessariamente una vittoria.

TAG