Serie A

Pjanic a ruota libera: “Preferisco vincere e tra Sarri e Allegri scelgo il secondo”

Pjanic intervista fiume: “Si gioca per vincere, il modo non conta”

Con la sosta forzata causa amichevoli nazionali, molti giocatori si lasciano andare ad interviste. E’ capitato anche a Miralem Pjanic, che è stato intercettato dal quotidiano romano ‘Il Messaggero’. Queste le sue parole sulla lotta al titolo con il Napoli: Per lo scudetto si deciderà molto nello scontro diretto. Per il settimo scudetto è ancora lunga, anche se stiamo messi bene. Da vincente ci si sente molto bene. Qui alla Juve si respira la vittoria dalle mura. Agnelli me ne parlò nel mio primo giorno. Ovunque ti giri, vedi bacheche piene di trofei”. Intanto imperversa come al solito il tema relativo allo Scudetto e Pjanic si schiera così sul “metodo” per arrivare a vincerlo: Il Napoli gioca il miglior calcio d’Italia, ma la Juve è più pericolosa e più intelligente nell’interpretazione della gara. Alla fine poi conta il risultato. Si gioca per vincere e io sto con Allegri.

Infine, il centrocampista della Juventus torna a parlare dei suoi ex compagni in giallorosso, lanciando anche una frecciata a Nainngolan: “Non ho scelto di vincere facile, ma dopo cinque anni a Roma ho voluto fare altre esperienze. La carriera di un calciatore è breve e, detto questo, vincere non è mai facile, neanche alla Juve. Vincere a Roma sarebbe stato diverso, un’emozione unica. Ci ho provato, ma non ci sono riuscito. Non ho tradito nessuno. Qui a Torino c’è meno passione, dunque meno pressione”.

Articoli correlati

Back to top button