Serie A

Napoli, De Laurentiis: “Vorrei cancellare la Champions e Serie A a 16 squadre”

Intervenuto a margine del convegno Giovani Imprenditori a Roma, Aurelio De Laurentiis ha parlayo delle sue riforme calcistiche e anche della questione San Paolo. Queste le parole del patron del club partenopeo che sono state riportate dal portale Calcio e Finanza: “Mi piacerebbe cancellare la Champions e fare un campionato europeo. Un campionato europeo con le 20 squadre che hanno fatto meglio, con gironi di andata e ritorno  e partite da giocare il mercoledì e il giovedì. Mentre il sabato e la domenica  si giocherebbero i campionati nazionali”.

Parole De Laurentiis Champions Serie A, le idee del presidente azzurro

“Pensate che bello avere dal martedì al giovedì la competizione in Europa e il sabato e la domenica quella nazionale. Però quest’ultima non può essere con 20 squadre, non si può fare  – ha continuato Aurelio De Laurentiis – Se la Lega di Serie A proverà prossimamente a ridurre il numero di club? Vi dico questo, con Lotito c’è una sola divergenza: entrambi vogliamo ridurre, lui però vuole attuare la politica dei piccoli passi e scendere a 18, io dico invece che nel 1986 eravamo 16 e dobbiamo tornare ed essere 16″.

Sulla questione San Paolo: “San Paolo? Non posso fare la figura del pezzente in Europa. Quando il Manchester City o il Real Madrid vengono qui posso fare per loro una cena da sogno ma è un po’ di fumo negli occhi e non basta. Siccome i soldi sono messi a disposizione dalla Regione io sono andato da Vincenzo De Luca per dirgli “capiamo cosa fare perché non posso fare figura pezzente in Europa. Legge sugli stadi inapplicabile. L’ha fatta Nardella, che ora è sindaco di Firenze, e non porterà nessun stadio alla riqualificazione. Se dovessi fare uno stadio con queste leggi mi rifiuterei”.

 

Pasquale Barbato

Avvocato per passione, giornalista di professione, Pasquale Barbato ha una sola missione: la sta ancora cercando. Tifoso del Napoli, ama i motori, la buona cucina e la sua fidanzata

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button