Nations L.

Nations League, Italia-Bosnia 1-1: Sensi risponde a Dzeko

Finisce 1-1 la sfida tra Italia e Bosnia, valida per il Gruppo 1 della Lega A di Nations League. La Nazionale tornerà in campo lunedì sera alla Johan Cruijff Arena di Amsterdam per affrontare l’Olanda nel secondo impegno del torneo.

Italia-Bosnia: primo tempo

Poco ritmo, poca intensità e pochissime occasioni create portano a un pareggio giusto e di fatto inevitabile. Il cammino in Nations League comincia in salita, considerando anche la vittoria dell’Olanda contro la Polonia.

Mancini si affida al 4-3-3 collaudato, con Chiesa al posto dell’infortunato Bernardeschi, Belotti punto di riferimento offensivo e Acerbi per Chiellini al centro della difesa (a causa di un clamoroso disguido). Il debuttante ct Bajevic, privo di Pjanic, punta tutto su Dzeko, l’unico dei titolari, insieme a Kolasinac, a militare in uno dei top campionati europei.

L’Italia cerca di tenere alto il baricentro e puntare sul recupero palla veloce. La prima occasione nasce da un’iniziativa centrale di Insigne e capita sul destro di Chiesa, che però centra l’esterno della rete.

La percentuale di possesso palla degli azzurri cresce col passare dei minuti, ma gli avversari chiudono bene tutti gli spazi. Le opportunità faticano ad arrivare. Il primo tempo si chiude sullo 0-0.

Italia-Bosnia: secondo tempo

Nella ripresa gli uomini di Mancini provano spesso ad accelerare con le verticalizzazioni, ma continuando a scontrarsi contro l’ordinatissimo muro bosniaco.

La grande occasione arriva però per gli ospiti: Hodzic approfitta di una distrazione di Florenzi, supera Donnarumma e dalla linea di fondo colpisce il palo.

Gli azzurri reagiscono e pochi minuti dopo è Insigne a sbattere sul legno, con un colpo di testa ravvicinato. La partita si fa improvvisamente vivace e gli spazi si aprono. Al 58′ è la Bosnia a sbloccarla: sugli sviluppi di un corner Sunjic sovrasta Barella, la palla arriva a Dzeko che si gira al volo e supera Donnarumma.

L’Italia sembra accusare un po’ il colpo, ma un pizzico di fortuna l’aiuta a rimettersi subito in carreggiata, quando Insigne trova Sensi nel cuore dell’area con un bel cross arretrato, il centrocampista dell’Inter colpisce a botta sicura e una deviazione decisiva regala agli azzurri l’1-1.

Mancini decide di mandare in campo anche Zaniolo, Immobile e infine anche Kean, ma il risultato non cambia e anzi, sono gli avversari a rendersi più pericolosi nel finale, con un paio di contropiedi che trovano attento Donnarumma.

Articoli correlati

Back to top button