CuriositàRass. Stampa

Juventus, Mughini dà il benvenuto a Bonucci: “Chi dice no è un minc…”

Dalle colonne del Corriere di Torino arriva il pensiero di Giampiero Mughini, noto opinionista tv di fede juventina. Mughini nel suo consueto editoriale ha parlato del ritorno in bianconero di Leonardo Bonucci un anno dopo il suo passaggio al Milan.

Mughini su Bonucci

“Quando Leonardo Bonucci se ne andò al Milan, gli scrisse una lettera garbata, augurandogli «buon tutto»? Farei lo stesso, aggiungendo: “Bentornato”. Dopo lo sgarbo, l’uomo leale può perdonare. Anche se non capirò mai una cosa. Resta il mistero dell’addio di un anno fa: una decisione presa da un giocatore bravo, ma soprattutto da un ragazzo intelligente. Cercava un mondo in salita? Non penso fosse una questione di quattrini, perché tra guadagnare 6 o 7 milioni non c’è differenza. Adesso torna alla casa prediletta. (….)

Cosa dico ai tanti juventini che protestano per lo scambio con Caldara? Che sono dei minchioni. Ce ne sono in ogni categoria. Caldara non era il futuro? Era un ragazzo di 24 anni molto promettente, perché la Juve ha sempre investito sui giovani italiani, al contrario dell’Inter, una squadra che farei giocare nell’Unesco. Ora la Juve è una squadra un po’ con i capelli grigi, ma ricordo che quello è il periodo migliore della vita: non quando sei giovane e fessacchiotto, alla ricerca di te stesso. È un sacrificio, ma per l’unico difensore in Europa che sa aprire l’attacco, con lanci di trenta, quaranta metri: Bonucci (…)”.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio