Senza categoria

Fiorentina, lutto per la scomparsa del capitano Astori

Morte Astori: è lutto per la Fiorentina e per tutto il calcio italiano

È lutto nel mondo del calcio: Davide Astori, capitano della Fiorentina, è stato trovato morto nella sua stanza d’albergo.

A pochi giorni dal rinnovo con la maglia viola e a poche ore dall’incontro con l’Udinese nella Dacia Arena, il trentunenne cresciuto in casa Milan si è spento nel sonno per un probabile arresto cardiocircolatorio. Sotto shock l’intera squadra che si chiude nel dolore con l’immediato annullamento della partita; gesto condiviso poi da tutte le squadre che hanno scelto di rinviare gli incontri odierni con il comunicato ufficiale della Lega, che ha acconsentito.

Difensore mancino dalle doti spiccate, cresciuto nella primavera del Milan, aveva vestito diverse maglie: quella del Cagliari (per 6 stagioni), della Roma (in prestito per un anno) e della Nazionale, dove aveva registrato 14 presenze. Dal 2015 con la Fiorentina, aveva ereditato la fascia di capitano da Gonzalo Rodriguez che indossava con rispetto e profondo amore.

Una tragedia che lascia senza parole

Davide lascia la compagna Francesca Fioretti e una bambina di soli due anni, Vittoria. Ad esprimere le prime parole di cordoglio sulla tragica scomparsa è l’ex Presidente del Consiglio Matteo Renzi, che si mostra visibilmente provato e dichiara: “Sono incredulo, piango con la sua famiglia”.

Un dolore che lascia senza fiato, ammazza l’entusiasmo e annulla il sorriso. Arrivano istantanei i messaggi dei compagni di squadra, degli allenatori, dei Presidenti e di tutti quelli che avevano conosciuto i suoi piedi e la sua anima giusta. A Davide non poteva riservarsi morte diversa, se non quella nel sonno, che si dice destinata alle persone buone.

Articoli correlati

Back to top button