ApprofondimentiCuriositàNazionale

Mondiali – Alla scoperta del Girone E: Brasile, Svizzera, Costa Rica e Serbia

Il Girone E del Mondiale in Russia 2018, è sicuramente uno dei più affascinanti del torneo. Questo grazie alle squadre che lo compongono: Brasile, Svizzera, Costa Rica e Serbia. Un girone ricco di tradizione grazie ai favoriti alla vittoria finale del Brasile e alla Svizzera diventata ormai una presenza stabile nelle fasi finali della competizione iridata. Da tenere d’occhio due possibili outsiders come Costa Rica e Serbia.

Brasile

I verdeoro arrivano in Russia con i favori del pronostico. C’è tanta voglia di rivalsa nella Seleçao, ansiosa di vendicare quanto successo nell’edizione casalinga del 2014. Esperienza culminata con la terribile eliminazione per 7-1 in semifinale, per mano della Germania (poi campione) nella serata più buia della storia del calcio brasiliano, il Mineirazo. Nel cammino di avvicinamento a Russia 2018, il Brasile ha dominato il gruppo sudamericano di qualificazione al torneo iridato. Hanno concluso in testa con 10 punti di vantaggio sulla seconda squadra la classificata (Uruguay) e hanno perso una sola partita (Cile). Inutile dire che il giocatore più atteso è Neymar. Il fuoriclasse del PSG, fuori da febbraio per infortunio ha perfettamente recuperato ed in Russia guiderà i compagni alla ricerca di un trionfo che manca dal lontano 2002. Da tenere d’occhio anche i giocatori provenienti dalla nostra Serie A, Allisson, Miranda e lo juventino Douglas Costa. Mentre non ha trovato posto nei 23 del ct Tite, l’altro juventino Alex Sandro.

I convocati

Portieri: Alisson (Roma), Ederson (Man City), Cassio (Corinthians)

Difensori: Thiago Silva (PSG), Miranda (Inter), Marquinhos (PSG), Geromel (Gremio), Marcelo (Real Madrid), Danilo (Man City), Filipe Luis (Atletico Madrid), Fagner (Corinthians)

Centrocampisti: Casemiro (Real Madrid), Fred (Shakhtar Donetsk), Paulinho (Barcellona), Renato Augusto (Beijing Guoan), Fernandinho (Man City), Willian (Chelsea), Coutinho (Barcellona)

Attaccanti: Neymar (PSG), Gabriel Jesus (Man City), Firmino (Liverpool), Douglas Costa (Juventus), Taison (Shakhtar Donetsk)

Probabile formazione tipo (4-3-3): Alisson; Danilo, Miranda, Thiago Silva, Marcelo; Casemiro, Fernandinho, Paulinho; Coutinho, Gabriel Jesus, Douglas Costa.

Svizzera

La Svizzera è ormai da un paio di edizioni una presenza stabile nella fase finale della Coppa del Mondo. Nell’ultima edizione svoltasi in Brasile nel 2014 venne eliminata dall’Argentina (poi seconda classificata), agli ottavi di finale con un gol di Di Maria ai supplementari. A questi Mondiali in Russia gli elvetici arrivano dopo aver affrontato lo scoglio dei play off dove hanno avuto la meglio sull’Irlanda del Nord col punteggio complessivo di 0-1 (0-1; 0-0). La Svizzera era arrivata seconda nel gruppo B di qualificazione (vinto dal Portogallo) nonostante fossero pari punti ha prevalso la miglior differenza reti che ha favorito i lusitani. Gol qualificazione contro l’Irlanda messo a segno dal milanista Ricardo Rodriguez. La nazionale guidata dall’ex-Lazio Petkovic, può contare su una squadra particolarmente esperta guidata dal capitano Lichtsteiner, ex-Juve. Sicuramente gli elementi con il maggior tasso tecnico sono il centrocampista G. Xhaka e la punta Embolo.

I convocati

Portieri: Sommer (Borussia Mönchengladbach), Bürki (Borussia Dortmund), Mvogo (RB Lipsia)

Difensori: Lichtsteiner (?), Djourou (Antalyaspor), R. Rodriguez (Milan), Schär (Deportivo la Coruña), Lang (Basilea), Moubandje (Tolosa), Akanji

(Borussia Dortmund), Elvedi (Borussia Mönchengladbach)

Centrocampisti: Behrami (Udinese), Shaqiri (Stoke City), Dzemaili (Bologna), G.Xhaka (Arsenal), Zuber (Hoffenheim), Freuler (Atalanta), Xhaka (Arsenal), Zakaria (Borussia Moenchengladbach)

Attaccanti: Seferovic (Benfica), Drmic (Borussia Mönchengladbach), Embolo (Schalke 04), Gavranovic (Dinamo Zagabria)

Probabile formazione tipo (4-2-3-1): Sommer; Lichtsteiner, Elvedi, Schar, Rodriguez; Freuler, Xhaka; Shaqiri, Dzemaili, Zuber; Seferovic.

Costa Rica

Una delle possibili outsiders della manifestazione. E’ ancora nella mente di tutti l’impresa compiuta dalla Nazionale centroamericana agli ultimi Mondiali in Brasile nel 2014. I Ticos contro ogni pronostico dominarono il gruppo D con Uruguay, Italia e Inghilterra. Poi riuscirono ad eliminare la Grecia (5-3 dcr) agli ottavi di finale, raggiungendo un risultato storico: la qualificazione ai quarti di finale. Quarti in cui vennero eliminati dall’Olanda (4-3 dcr). Quest’anno arrivano invece dopo essersi classificati al secondo posto nel gruppo finale di qualificazione della zona CONCAAF. I giocatori più rappresentativi sono sicuramente il portiere Keylor Navas, campione d’Europa con il Real Madrid, e la punta ex Arsenal Joel Campbell. Squadra che è guidata dal ct Oscar Ramirez.

I convocati

Portieri: Navas (Real Madrid), Pemberton (Alajuelense), Moreira (Herediano)

Difensori: Gamboa (Celtic), Smith (Norrköping), Matarrita (New York City FC), Oviedo (Sunderland), Duarte (Espanyol), González (Bologna), Calvo (Minnesota United), Waston (Vancouver Whitecaps), Acosta (Aguilas Doradas)

Centrocampisti: Guzmán (Portland Timbers), Tejeda (Losanna), Borges (Deportivo La Coruña), Azofeifa (Herediano), Wallace (New York City FC), Ruiz (Sporting Lisbona), Colindres (Saprissa), Bolaños (Saprissa)

Attaccanti: Venegas (Saprissa), Campbell (Betis Siviglia), Ureña (Los Angeles FC)

Probabile formazione tipo (5-4-1):  Navas; Oviedo, Waston, Acosta, Gonzalez, Gamboa; Bolanos, Guzman, Borges, Ruiz; Campbell.

Serbia

La Nazionale Serba torna a partecipare alla fase finale di una Coppa del Mondo a ben 8 anni di distanza dall’ultima volta in SudAfrica. In quella edizione la Serbia venne eliminata durante la fase a gironi. Era inserita nel gruppo D con Germania, Ghana ed Australia. Due sconfitte con Ghana e Australia la eliminarono dalla competizione. Da registrare che però riuscì a sconfiggere la ben più quotata Germania. A questa edizione la nazionale Serba ci arriva dopo aver vinto il gruppo D di qualificazione. Da segnalare il cambio di ct a qualificazione già avvenuta con Mladen Krjstajic che ha sostituito il precedente ct Muslin. Un gruppo che è composto da un mix di esperienza, con elementi come Kolarov ed Ivanovic, Tadic e Matic, e talento come il laziale Milinkovic-Savic.

I convocati

Portieri: Vladimir Stojkovic (Partizan Belgrado), Predrag Rajkovic (Maccabi Tel Aviv), Marko Dmitrovic (Eibar)

Difensori: Aleksandar Kolarov (Roma), Branislav Ivanovic (Zenit San Pietroburgo), Dusko Tosic (Guangzhou R&F), Antonio Rukavina (Villarreal), Milos Veljkovic (Werder Brema), Milan Rodic (Stella Rossa), Uros Spajic (Krasnodar), Nikola Milenkovic (Fiorentina)

Centrocampisti: Nemanja Matic (Manchester United), Luka Milivojevic (Crystal Palace), Sergej Milinkovic-Savic (Lazio), Marko Grujic (Liverpool), Adem Ljajic (Torino), Dusan Tadic (Southampton), Filip Kostic (Amburgo), Andrija Zivkovic (Benfica), Nemanja Radonjic (Stella Rossa)

Attaccanti: Aleksandar Mitrovic (Newcastle), Aleksandar Prijovic (Paok Salonicco), Luka Jovic (Benfica)

Probabile formazione: (4-2-3-1): Stojkovic; Rukavina  Ivanovic, Nastasic, Kolarov; Milivojevic, Matic; Tadic, Milinkovic-Savic, Ljajic; A. Mitrovic     All.Krjstajic

Il calendario del Girone E

Prima giornata: (17 giugno 2018)

Ore 14:00, Costa Rica-Serbia  (Samara)
Ore 20:00, Brasile-Svizzera  (Rostov sul Don)

Seconda giornata: (22 giugno 2018)

Ore 14:00,  Brasile-Costa Rica  (San Pietroburgo)
Ore 20:00,  Serbia-Svizzera  (Kaliningrad)

Terza giornata: (27 giugno 2018)

Ore 20:00, Serbia-Brasile  (Mosca)
Ore 20:00, Svizzera-Costa Rica  (Niznij Novgorod)

Articoli correlati

Back to top button