Serie A

Milan, la forza dei numeri: squadra giovane ma già solida

A Crotone la squadra rossonera ha inanellato la diciassettesima partita di fila in tutte le competizioni senza sconfitte andando in rete per 22 gare consecutive. Sono statistiche ma valorizzano il lavoro del gruppo e dell’allenatore.

Milan: anche senza Ibra e Rebic i rossoneri convincono

I paragoni con altri Milan, se pur in contesti storici e calcistici ben diversi, valgono quel che valgono, eppure certificano la solidità della squadra.

Senza Ibrahimovic e pure senza Rebic, la squadra di Pioli non ha perso punti di riferimento e anche a Crotone ha condotto in porto la gara senza particolari patemi.

Milan: sempre nel mirino del club Hauge e Bakayoko

Il cammino post-lockdown conferma che la strada è quella giusta, per due motivi: la giovane età della squadra (l’undici iniziale aveva una media di 23 anni e 266 giorni) che rende ottimisti anche in chiave futura e la capacità di non perdere identità tattica, movimenti e distanze tra i reparti anche con gli ingressi di Tonali e Diaz.

Ora Maldini e Massara sono concentrati sull’attacco (Hauge) ma attenzione alle occasioni negli altri reparti (Bakayoko su tutti), per rendere più concreta la possibilità di qualificarsi alla prossima Champions League.

Milan:

A Casa Milan sanno già che, anche restando così, si può andare incontro ad una stagione di soddisfazioni. Non è poco, quando solo poche settimane fa sembrava pronto l’ennesimo ribaltone firmato Rangnick. Invece Pioli è più saldo che mai, e così il suo Milan.

Articoli correlati

Back to top button