Curiosità

Massimiliano Allegri è pronto a tornare: “Voglio un club per vincere”

Il 30 giugno 2020 si è effettivamente concluso il contratto da 7 milioni l’anno di Massimiliano Allegri con la Juventus e ora il tecnico livornese, che in bianconero ha sollevato 11 trofei in 5 anni, è pronto ad iniziare una nuova avventura in panchina, in Italia come all’estero: “Non mi interessa davvero dove. Sto cercando un club con cui condividere un progetto e che abbia l’ambizione di competere per vincere” ha svelato Allegri ai microfoni di Marca.

Massimiliano Allegri ai microfoni di Marca: “Milan? Ha bisogno di un progetto forte e continuo”

“Mi sono goduto la famiglia e la mia città, Livorno, con gli amici di una vita. Ho caricato le batterie” e ora il tecnico guarda al futuro, perché la voglia di tornare a vivere le partite da protagonista è tanta.

Ammette di essere pronto a guidare una squadra della Liga e svela di essere stato vicino al Real Madrid dopo il primo addio di Zidane: “Due anni fa ci fu un contatto ma non accadde nulla perché avevo un contratto con la Juve. Avevo un forte impegno morale nei confronti del club e della sua gente”.

E a proposito della Juve, Allegri si dice sicuro che il dominio dei bianconeri continuerà ancora a lungo: “È una squadra costruita per vincere e vincere ancora. Solo per quello. Per questo penso che lo possa fare ancora per anni.

L’ex tecnico bianconero: “Con Cristiano Ronaldo ha fatto un salto in avanti”

“Con Cristiano Ronaldo ha fatto un salto in avanti, lo vedo ancora molti anni a Torino“. Poi un commento sul Milan, un’altra fetta del suo passato: “Ha bisogno di un progetto forte e continuo. Cambiare la squadra ogni stagione non ti permette di crescere”.

Infine una battuta su Lautaro Martinez e sull’ipotesi di un suo passaggio al Barcellona: “La maglia del Barça pesa molto e ogni giocatore al mondo deve avere la forza e la personalità per indossarla. Lautaro ha tutte le qualità per avere successo. Oggi sta andando molto bene all’Inter, ma vedremo se un giorno potrà dimostrarlo al Camp Nou”.

Articoli correlati

Back to top button