Serie A

Mancini: “Il calcio non è pericoloso, bisogna ripartire per il bene del paese”

Ha parlato sulle pagine del Corriere dello Sport, il CT della Nazionale Roberto Mancini, che si è soffermato su una possibile ripresa del campionato. L’allenatore che si è detto assolutamente favorevole ad una ripartenza, non ritenendo il calcio uno sport pericoloso.

Mancini sul calcio e l’emergenza Coronavirus

“Io leggo e mi informo, prima di tutto viene la salute ma mi risulta che il mondo dello sport non sia stato colpito dal Coronavirus. I casi li contiamo facilmente, soprattutto ad alto livello: venti giocatori in Serie A? Non ci arrivo, se escludiamo medici, accompagnatori e staff. E in Serie B e in Serie C? Quanti casi sono stati denunciati? Se poi mi allargo all’attività mondiale, non mi sembra che i numeri aumentino, anzi. Secondo me lo sport di contatto non è pericoloso, almeno osservando i numeri”.

Sulla possibile ripresa dei campionati

Spero che riaprano il nostro mondo. E non lo dico egoisticamente, per motivi di soldi o di interesse, io ormai gli Europei li giocherò tra un anno e dovrò ricominciare il lavoro di studio. Lo dico da semplice cittadino: lo sport ha un valore sociale, di aggregazione. Se riparte, darà una mano al Paese sotto il profilo psicologico. Le emozioni positive aiutano”.

Conclude Mancini sulla Lega e le istituzioni

Se coliamo a picco noi poi sarà più difficile per tutti. E questo mi dispiace, perché non facciamo una bella figura. Ho attraversato molte epoche del calcio e dico che in passato anche quando c’erano posizioni differenti poi si sceglieva tutti insieme una linea comune. Si può ripartire in assoluta sicurezza. Una volta stabilito che i cinquecento giocatori impegnati in Serie A sono immuni o guariti, non ci saranno più rischi e pericoli“.

Articoli correlati

Back to top button