Serie A

Milan, Maldini: “Giampaolo è stata una scelta condivisa e lo difenderemo”

Maldini dopo Milan – Fiorentina, il direttore tecnico dei rossoneri ha rilasciato queste dichiarazioni ai microfoni di Sky Sport al termine della debacle di San Siro: “Ripeto quanto detto domenica: l’allenatore è stata una scelta condivisa nostra e lo difenderemo sempre. Giusto dargli tempo, sappiamo che abbiamo una squadra giovani e quali erano i problemi cui potevamo andare incontro. Pensavamo sinceramente di far meglio, viste le quattro sconfitte in sei gare che son tante, e anche avere una qualità di gioco più soddisfacente”.

Maldini dopo Milan – Fiorentina

“In questo momento sembrerebbe non esserci via d’uscita, ma questa passa attraverso il lavoro e migliorare questo gioco che non scorre come dovrebbe. I calciatori stessi dovrebbero fare autocritica. Il gruppo è giovane e finché la leadership dell’allenatore non entra in pieno, qualcosa pagheremo sempre e soprattutto qui a San Siro. Di chi è la colpa? Società, allenatore e giocatori. Si farà un’autocritica generale, ma non servono troppe parole”.

“La dimostrazione dei tifosi che se ne sono andati è giusta. Lo scorso anno la squadra non giocava benissimo e i tifosi la sostenevano, quest’anno idem. In una situazione del genere poi penso abbiano fatto la cosa giusta. Sembra tutto perso ma siamo alla sesta di campionato e sappiamo che a volte le situazioni si ribaltano in un attimo. Preoccupa più che altro l’involuzione da Torino a oggi”.

“Spiegare un tale passo indietro è davvero difficile, ma una può essere quella che si gioca a San Siro. A volte non si calcola questa cosa. Il blasone del Milan ti fa giocare con una maglia pesante, per una storia pesante ma forse senza avere la squadra di una volta”.

Ciro D'Auria

Napoletano classe '95, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Al di là della passione viscerale per il calcio, nutre un grande interesse per il basket e il tennis, oltre che per l'arte e il gaming.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button