Serie A

L’avvocato dell’infermiera di Maradona: “Ha battuto la testa pochi giorni dopo l’operazione”

Come e perché è morto Diego Armando Maradona? Meno di una settimana dopo la scomparsa del più grande numero 10 di tutti i tempi, nuove rivelazioni arrivano da Rodolfo Baquè. Si tratta dell’avvocato di Gisela Madrid, l’infermiera che si occupava del campione, che rimette in discussione con le sue parole il lavoro dei medici e delle persone che negli ultimi giorni si si sono prese cura di lui. “Pochi giorni prima di morire, Maradona è caduto e ha battuto la testa. Ha colpito terra col lato destro, quello contrario all’operazione. È stato subito sollevato ma nessuno ha chiamato una clinica. Certo, la decisione spettava a Maradona ma non era in grado di deciderlo”, ha detto Baquè che prosegue. “Penso che Maradona sia stato curato per il problema della dipendenza da alcol ma ci si sia dimenticati del suo cuore. Aveva 115 battiti al minuto e il giorno prima della morte aveva 109 battiti al minuto, quando tutti sappiamo che un malato di coronarie non può superare il 80. Il corpo era in allerta e non è stato assistito con alcuna pillola”.

FONTE: Tutto Mercato Web

Articoli correlati

Back to top button

Individuato Adblock




Per visualizzare il sito
Disattiva AdBlock

L'Occhio Network è un giornale gratuito e per coprire le spese di gestione la pubblicità è l'unica fonte di sostegno.
Se vuoi che L'Occhio Network continui ad essere fruibile gratuitamente non bloccare le pubblicità.
Grazie di supporto