ScommesseSerie A

La Serie A riparte: sarà ancora un duello tra Inter e Juventus?

Archiviata un'estate sportivamente indimenticabile, dal trionfo agli Europei alle imprese olimpiche, l'Italia si concentra sulla Serie A

Archiviata un’estate sportivamente indimenticabile, dal trionfo agli Europei alle imprese olimpiche, l’Italia torna a concentrarsi su una Serie A che si avvicina ai nastri di partenza dopo un mercato abbastanza piatto e segnato principalmente dalle cessioni illustri dell’Inter campione d’Italia. I nerazzurri hanno perso in un solo colpo il tecnico Conte, Hakimi e Lukaku – oltre a Eriksen per motivi di salute – e non partono in pole position nella considerazione degli addetti ai lavori.

Imperativo per Simone Inzaghi e i suoi partire con il piede giusto: sarà Inter-Genoa, gara che sabato 21 agosto alle 18.30 aprirà il campionato insieme a Verona-Sassuolo, a testare le qualità di una squadra che non può permettersi di mostrare debolezze e che sfoggerà fin da subito due nuovi acquisti di spessore come Calhanoglu e Dzeko. La vittoria, però, potrebbe essere meno scontata di quello che si possa pensare.

A 24 ore di distanza toccherà alla Juventus scendere in campo alla Dacia Arena di Udine: la Vecchia Signora ha riabbracciato il figliol prodigo Max Allegri, chiamato a riportare la squadra sulla retta via dopo la rivoluzione mancata prima con Sarri e poi con Pirlo, e un Cristiano Ronaldo che sembrava sul piede di partenza e invece è rimasto e a 36 anni potrebbe mettersi alla prova nel per lui quasi inedito ruolo di centravanti atipico.

Sarò questa la mossa giusta per rilanciare contemporaneamente Dybala? Con la Joya, Chiesa e Kulusevski insieme a CR7 possiamo immaginare una Juventus super-offensiva, che sarà equilibrata a centrocampo dal tanto atteso arrivo dal Sassuolo di Locatelli. Difficile che basti per fare la differenza in Europa, più che probabile possa farlo in Italia: lo sapremo meglio dopo Udinese-Juventus, con la Vecchia Signora pronta a imporsi sui friulani che hanno perso in estate la stella De Paul.

Tra le sfide più interessanti della giornata abbiamo Torino-Atalanta, nuovo rendez-vous tra il neo-tecnico granata Juric e il maestro Gasperini con la Dea ampiamente favorita e pronta a inserirsi nel duello per lo Scudetto tra Inter e Juventus; Napoli-Venezia, con i lagunari di nuovo in massima serie dopo 19 anni ospiti degli azzurri che celebrano il ritorno in panchina di Luciano Spalletti; Sampdoria-Milan, il posticipo del lunedì che ci dirà quanto valgono i rossoneri che nonostante l’addio di Donnarumma hanno puntato sulla continuità.

Il big match di giornata per noi è sicuramente Roma-Fiorentina, in programma domenica 22 agosto alle 20.45: la Lupa ha archiviato l’epoca Pallotta un anno fa, ma l’era Friedkin è iniziata ufficialmente soltanto lo scorso 4 maggio con l’ingaggio di José Mourinho. Il tecnico portoghese dovrà dimostrare di essere ancora lo Special One senza la consueta campagna acquisti faraonica a cui ci aveva abituati in passato: il primo esame sarà rappresentato dalla Fiorentina, pronta a svoltare dal calcio conservativo di Iachini a quello stuzzicante di Italiano e a godersi il talento di Nico Gonzalez.

Dando uno sguardo alle scommesse Serie A relative a questa sfida non possiamo che notare come la Roma sia ampiamente favorita per i bookmaker, con la vittoria quotata appena 1,74: un pronostico che si basa sulla fiducia nelle capacità di Mourinho, sui valori tecnici (i giallorossi ritrovano Pellegrini e, dopo lunga attesa, il gioiello Zaniolo) e su un fattore-campo quasi dimenticato nell’ultimo torneo andato in scena a porte chiuse. E forse sarà proprio la presenza del pubblico sugli spalti la nota lieta di un torneo in crisi economica e tecnica ma pur sempre espressione di un movimento che lo scorso 11 luglio, a Wembley, si è seduto contro ogni pronostico sul trono d’Europa. Qualcosa vorrà pur dire.

Articoli correlati

Back to top button