Scommesse

La corsa alla Champions League: calendario, scontri diretti e criteri in caso di arrivo a pari punti, il Milan deve battere l’Atalanta all’ultima giornata

Il 2020-21 sarà ricordato come una delle stagioni in cui la lotta per la Champions League è stata più combattuta ed equilibrata negli ultimi anni

Regolamento classifica avulsa serie A

  • Punti negli scontri diretti
  • Differenza reti negli scontri diretti
  • Differenza reti generale
  • Totale gol segnati in campionato
  • Sorteggio

Classifica

Punti Gol fatti Gol subiti Differenza reti
2 Atalanta 78 90 45 +45
3 Napoli 76 85 40 +45
4 Milan 76 72 41 +31
5 Juventus 75 73 37 +36
6 Lazio* 67 61 53 +8

*una partita in meno da recuperare contro il Torino il 18 maggio, chiuderà sesta

Il calendario

Questo il calendario delle quattro squadre coinvolte nella lotta alla Champions League nelle ultime quattro giornate. In grassetto le gare in trasferta.

Giornata Atalanta Milan Juventus Napoli Lazio
35° Parma Juventus Milan Spezia Fiorentina
36° Benevento Torino Sassuolo Udinese Parma
37° Genoa Cagliari Inter Fiorentina Roma
38° Milan Atalanta Bologna Verona Torino

Il calendario più semplice sembra essere quello del Napoli, che non ha più scontri diretti da giocare e dopo lo Spezia potrebbe affrontare squadre già salve. L’Atalanta dovrà affrontare il Milan all’ultima giornata in uno scontro diretto che potrebbe essere decisivo per la Champions League e i rossoneri giocheranno tre delle ultime quattro gare di campionato in trasferta, tutte con squadre in corsa per la Champions League e la salvezza in quello che è forse il calendario più impegnativo.

Per la Juve un calendario insidioso non soltanto perché avrà di fronte le due milanesi, anche se l’Inter alla penultima giornata non avrà motivazioni, ma anche perché il Sassuolo è un cliente scomodo e ancora in corsa per il settimo posto che potrebbe valere la Conference League. Per la Lazio il derby alla penultima giornata ma anche tre gare delicate contro squadre della parte bassa della classifica considerando il recupero contro il Torino. I bergamaschi e i bianconeri inoltre giocheranno una partita in più perché impegnati nella finale di coppa Italia il 19 maggio.

Scontri diretti

  • Atalanta – sfavorevole contro il Napoli (sconfitta 4-1 all’andata, vittoria 4-2 al ritorno, differenza reti -1, totale 3 punti), favorevole con la Juve (pareggio 1-1 all’andata, vittoria 1-0 al ritorno, totale 4 punti), favorevole con la Lazio (vittoria 4-1 all’andata, sconfitta 3-1 al ritorno, differenza reti +1, totale 3 punti), vittoria 3-0 con il Milan all’andata.
  • Milan – Sconfitta 3-0 con l’Atalanta all’andata, favorevole con la Juve (sconfitta 3-1 all’andata, vittoria 3-0 al ritorno, differenza reti + 1, totale 3 punti), favorevole con il Napoli (vittoria 3-1 all’andata, sconfitta 1-0 al ritorno, differenza reti +1, totale 3 punti), sfavorevole con la Lazio (vittoria 3-2 all’andata, sconfitta 3-0 al ritorno, differenza reti -2, totale 3 punti).
  • Juventus – sfavorevole con l’Atalanta (pareggio 1-1 all’andata, sconfitta 1-0 al ritorno, totale 1 punto), sfavorevole con il Milan (vittoria 3-1 all’andata, sconfitta 3-0 al ritorno, differenza reti -1, totale 3 punti), favorevole con la Lazio (pareggio 1-1 all’andata, vittoria 3-1 al ritorno, totale 4 punti), pari con il Napoli (sconfitta 1-0 all’andata, vittoria 2-1 al ritorno, differenza reti identica, deciderebbe la differenza reti generale in campionato, totale 3 punti).
  • Napoli – favorevole con l’Atalanta (vittoria 4-1 all’andata, sconfitta 4-2 al ritorno, differenza reti + 1, totale 3 punti), sfavorevole con il Milan (sconfitta 3-1 all’andata, vittoria 1-0 al ritorno, differenza reti -1, totale 3 punti), favorevole con la Lazio (sconfitta 2-0 all’andata, vittoria 5-2 al ritorno, differenza reti +1, totale 3 punti), pari con la Juve (vittoria 1-0 all’andata, sconfitta 2-1 al ritorno, differenza reti identica, deciderebbe la differenza reti generale in campionato, totale 3 punti).
  • Lazio – sfavorevole con l’Atalanta (sconfitta 4-1 all’andata, vittoria 3-1 al ritorno, differenza reti -1, totale 3 punti), favorevole con il Milan (sconfitta 3-2 all’andata, vittoria 3-0 al ritorno, differenza reti +2, totale 3 punti), sfavorevole con la Juve (pareggio 1-1 all’andata, sconfitta 3-1 al ritorno, totale 1 punto), sfavorevole con il Napoli (vittoria 2-0 all’andata, sconfitta 5-2 al ritorno, differenza reti -1, totale 3 punti).

Classifica avulsa

  • Arrivo a 78 punti di Atalanta, Milan e Juve – In questo scenario il Napoli potrebbe essere secondo a 79 punti, oppure quinto con 77. La classifica avulsa premierebbe l’Atalanta con 7 punti, poi Juve 4 e Milan 3. Anche vincendo lo scontro diretto contro i bergamaschi all’ultima giornata i rossoneri andrebbero a 6 e la squadra di Gasperini sarebbe in Champions.
  • Arrivo a 79 punti di Atalanta, Milan e Napoli – In questo scenario la classifica avulsa momentanea è Atalanta 7, Napoli 6 e Milan 4, con i rossoneri che potrebbero agganciare i bergamaschi se vincessero lo scontro diretto ma servirebbe soltanto a stabilire la classifica finale del campionato per il secondo, terzo e quarto posto e tutte e tre sarebbero in Champions League.
  • Arrivo a 76 punti di Napoli, Milan e Juve – Questo scenario si verifica se all’ultima giornata la Juve pareggia con il Bologna e Napoli e Milan perdono contro Verona e Atalanta. La classifica sarebbe Napoli 6, Milan 6, Juve 6. Differenza reti Milan +1, Napoli -1, Juve -1, il Milan sarebbe terzo e il Napoli sarebbe quarto grazie alla migliore differenza reti generale rispetto alla Juve.
  • Arrivo a 76 punti di Napoli e Juve – Questo scenario si verifica se la Juve ottiene una vittoria e un pareggio nelle ultime due giornate e il Napoli ottiene una vittoria e una sconfitta. Sarebbe un arrivo a pari punti per il quarto posto e con gli scontri diretti pari per punti e differenza gol deciderebbe la differenza reti generale in campionato con gli azzurri al momento a +43 contro il +35 dei bianconeri, una distanza praticamente impossibile da colmare in due giornate.

Aggiornamento 9 maggio

La Juve perde nettamente lo scontro diretto contro il Milan e non solo scivola al quinto posto, ma adesso in caso di arrivo a pari punti contro Atalanta, rossoneri e Napoli ha gli scontri diretti sfavorevoli.

Aggiornamento 12 maggio

Il turno infrasettimanale ha lasciato invariata la classifica con Atalanta, Milan, Napoli, Juve e Lazio che hanno vinto e la penultima giornata può essere decisiva con la Juve che ospita l’Inter, il Napoli in trasferta contro la Fiorentina, l’Atalanta sul campo del Genoa, il Milan che ospita il Cagliari e la Lazio impegnata nel derby contro la Roma.

Aggiornamento 16 maggio

Il pareggio del Milan contro il Cagliari complica il percorso dei rossoneri verso la Champions League che adesso se vogliono la qualificazione senza guardare il risultato della Juve con il Bologna devono vincere sul campo dell’Atalanta. I bianconeri battendo gli emiliani andrebbero a 78 punti e devono sperare che Gasperini già certo della partecipazione alla Champions fermi Pioli. Se la Juve pareggia e il Milan perde entrambe chiuderanno a 76 punti ma i rossoneri sarebbero quarti grazie alla migliore differenza reti negli scontri diretti.

Articoli correlati

Back to top button