Serie A

Juventus Calciopoli, il senatore Licheri: “Arbitri volevano compiacere i bianconeri”

Juventus Calciopoli – Si torna a parlare dello scandalo Calciopoli. A farlo è stato Ettore Licheri, senatore del Movimento 5 Stelle ed ex sostituto procuratore della Figc intervenuto ai microfoni di Rai Radio 1 nel corso di Un Giorno da Pecora.

Juventus Calciopoli, la verità di Licheri

“Moggi l’ho incontrato diverse volte. Una volta eravamo a Cagliari e mangiammo il maialino sardo nella pancia dello stadio, al tavolo del custode del Sant’Elia. Moggi era una persona a modo, affabile ma non ci stava a perdere. Le sim?Si tratta di un fatto oggettivo, gli arbitri avevano delle schede dedicate e parlavano con dei dirigenti, anche federali. Anche se non mi pare fossero svizzere, forse erano albanesi.

Ingerenza di Moggi? Questa era l’accusa, c’erano tante telefonate che lasciavano intendere che, in qualche modo, lui toccasse quelli che erano i processi decisionali che portavano alla designazione degli arbitri. Aveva una serie di rapporti che, in qualche modo, facevano sì che gli arbitri fossero graditi alla Juve. C’erano tante telefonate di arbitri che denotavano una volontà di compiacere i voleri della Juve Campionati falsati? Ci furono delle squalifiche. I 37 scudetti che espongono i bianconeri? Se non sbaglio quello scudetto fu sospeso, francamente non lo so. Calciopoli fu lo specchio di un tempo particolare”.

Paolo Siotto

Giornalista pubblicista dal 2015, collabora per l'Occhio da giugno 2019 dopo diverse esperienze con testate locali tra cui il quotidiano Metropolis. Redattore per SalernitanaNews, nel tempo libero ama dedicarsi alla buona musica.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button