ApprofondimentiSerie A

Juventus, stanchezza e testa: ecco cosa non va

Juve-Napoli Allegri sbaglia atteggiamento

Juve-Napoli emblema quantomai lampante delle difficoltà dei bianconeri. La squadra di Allegri in quest’ultima settimana è stata appannaggio di se stessa. Il pareggio assolutamente contro ogni pronostico con il Crotone ha regalato speranze ancor più grandi alla banda di Sarri venuta a Torino per giocarsela.

La vittoria di ieri del Napoli può ricordare nelle menti dei tifosi juventini un gol che fece Simeone con la Lazio nel 2000, che valse poi lo scudetto ai biancocelesti. Allora, sulla panchina della ‘Signora’ c’era un certo Carlo Ancelotti, non certo l’ultimo arrivato. Allora i punti di distacco erano 9 addirittura dalla squadra capitolina.

Allegri, il gioco d’attesa è finito

Nella stagione attuale si presenta più o meno lo stesso problema per la Juventus. A +6 dal Napoli domenica scorsa, ora a +1 con il vento assolutamente contrario ai ragazzi di Allegri. Si potrebbe dire che lo stesso tecnico livornese non abbia capito sul serio l’importanza della partita di ieri. La Juve ha palesemente puntato allo 0-0 finale, magari cercando una via di fuga alla Zaza per intenderci, o alla Dybala contro la Lazio nel marzo scorso. 

Tante volte è andata bene, ma ieri il “karma” ha restituito con gli interessi tutto indietro. Nella gara di ieri soprattutto testa e gambe non hanno funzionato. Poca benzina nelle gambe dei bianconeri, zero ossigeno nelle loro teste. Se la Juve vuole tentare ancora l’allungo e tenersi il primato deve cambiare prima di tutto questo atteggiamento superficiale. Le vittorie non arrivano mai per grazia ricevuta e i sei anni appena dietro a questo ne dovrebbero essere la testimonianza.

Aggrapparsi ora ad una possibile e quantomai impensabile vittoria della Fiorentina contro i partenopei è una situazione surreale da pensare anche solo sette giorni fa. Il Napoli ha smascherato questo gioco da gatto con il topo ed ora lo scudetto sembra aver preso una direzione rispetto alla storia recente del calcio italiano.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button