Serie A

Il minstro Abodi: “Dobbiamo liberare gli stadi dalla delinquenza”

Il Ministro dello Sport Andrea Abodi ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport e si è espresso su quanto è accaduto negli ultimi giorni negli stadi italiani.  

Il ministro dello Sport Andrea Abodi in un’intervista al Corriere dello Sport. “No a condizioni di favore per la Serie A”

Sugli episodi degli ultimi mesi: “Quello che è successo in questi mesi impone un maggiore impegno delle istituzioni sportive e non solo. Dobbiamo liberare gli stadi e il calcio dalla delinquenza e dalla criminalità. Lo stadio deve essere delle famiglie, dei bambini, dei tifosi che rispettano le leggi. Il razzismo e l’antisemitismo vanno contrastati nell’immediatezza, quello che è accaduto l’altra sera a Torino e che accade in tanti stadi è insopportabile. Bisogna anche riprendere a investire sull’educazione in una prospettiva di medio-lungo periodo”.

Sulla possibilità di intraprendere azioni nell’immediato: “Venerdì scorso abbiamo avuto un incontro tecnico con il ministro dell’Interno Piantedosi, abbiamo deciso di elaborare un piano di attività e iniziative da condividere con Figc e leghe per rendere sempre più efficace l’azione di contrasto a ogni forma di inciviltà e violenza”.

Sul divieto di trasferta delle tifoserie: “L’ordine pubblico è un tema delicato, va al di là del calcio. Le ragioni culturali e sociali non vanno sottovalutate, ma di fronte ad atti di teppismo, delinquenza e criminalità bisogna agire di conseguenza, prima di tutto con la prevenzione. È del tutto evidente che il divieto di trasferta, comunque, sia una sconfitta, ma dovremo impegnarci tutti perché non sia definitivo“.

Sul suo no alla richiesta di rinvio delle tasse della Serie A: “Ritenevo opportuno che non ci dovessero essere condizioni di favore nei confronti delle società di A. Il provvedimento che poi è passato è differente: non fa sconti a chi deve soldi allo Stato, consentendo ai beneficiari di questa misura di poter essere equiparati alle condizioni garantite al sistema delle imprese”.

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio