Serie A

Inter: Gagliardini il bersaglio più facile, ma Conte ha le sue colpe

Inter, Gagliardini il bersaglio più facile. Ma Conte ha le sue colpe. I limiti della rosa e del tecnico convinto delle sue idee.

Inter, Conte: “Contro il Sassuolo, tanti errori individuali”

Roberto Gagliardini è diventato così il bersaglio più facile per i tifosi dell’Inter dopo il pareggio contro il Sassuolo, che, però, nasce dai limiti, già noti, della squadra di Conte.

Proprio l‘allenatore nerazzurro in passato si è lamentato di una rosa non adeguata per competere per il titolo e su più fronti. Lacune che neanche il mercato di gennaio sono riuscite a riempire dal momento che sia Moses che Young hanno dimostrato di non poter offrire garanzie.

Solo un po’ di turnover per far tornare la vecchia pazza Inter che i tifosi nerazzurri preferivano non ricordare. Qualcosa visto già visto in passato, quando la squadra milanese sprecava partite su partite, compromettendo la sua stagione partita con altri presupposti.

La fotografia perfetta non è tanto quella di Gagliardini che sbaglia un gol grande così, ma quella di Conte inginocchiato con le mani nei capelli.

Inter, Conte: il 3-5-2 non convince

Il 3-5-2 ha evidenziato, ancora una volta, delle lacune, che sono state ben sfruttate da De Zerbi che con il Sassuolo si trovava sempre ad attaccare in superiorità numerica. Limiti della rosa nerazzurra, ma anche dell’ex allenatore della Juventus, focalizzato sempre sulla sua unica idea di calcio senza adattarsi agli avversari.

“Tanti errori individuali”, la scusa del tecnico nerazzurro. Vero, ma non solo. Allora meglio non prendersela con il povero Gagliardini che sui social è stato massacrato. Troppo facile nascondersi dietro a un errore, seppur madornale, di un singolo. Materiale buono che farà riflettere Conte e società.

Articoli correlati

Back to top button