Serie A

Infantino: “Vanno cambiate le leggi, bisogna fare come fece la Thatcher in Inghilterra”

A margine dei Globe Soccer Awards, il presidente della FIFA Gianni Infantino si è soffermato soprattutto sulla morte del tifoso dell’Inter all’esterno di San Siro: “È inconcepibile che ancora si possa morire per una partita di calcio. Bisogna fare come fece la Thatcher in Inghilterra“.

Vanno cambiate le leggi, bisogna cercare le persone violente e farle uscire dal calcio. Non sono migliaia come si vuol far credere, neanche centinaia, ma decine e bisogna isolarle. Ci vuole la collaborazione delle autorità e delle società che in questo senso possono aiutare. Solo così si rompe il ciclo vizioso”.

Infantino sul razzismo

Il razzismo si combatte solo continuando a lavorare. La mia prima reazione da presidente della FIFA è stata tristezza, sdegno, e solidarietà al giocatore. Con degli atti concreti bisogna far passare un messaggio chiaro. E bisogna farlo in modo continuo”.

Questi atti vanno condannati con la massima severità, ma devono essere anche uno stimolo per i dirigenti del calcio ad abbassare un po’ i toni, perché questa aggressività che c’è a giro è dovuta anche a toni non proprio consoni. Il calcio è un mondo aperto dove razzismo e violenza non devono avere spazio”.

Ciro D'Auria

Napoletano classe '95, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Al di là della passione viscerale per il calcio, nutre un grande interesse per il basket e il tennis, oltre che per l'arte e il gaming.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button