Calciomercato

Fisico da football americano, sembra Lukaku: Dike e il Barnsley sognano la Premier


Commenta per primo

Te la do io l’America. A migliaia di chilometri da dove ha appena aperto i battenti la nuova stagione di MLS, a Barnsley, nel sud dello Yorkshire, si sogna in grande. La Premier League, assaporata soltanto una volta nella propria storia – correva l’annata 1998/99 – è lì, a portata di mano, o quasi. C’è da difendere un sesto posto in Championship che oggi significherebbe play-off, il cui conseguimento andrebbe ascritto in gran parte al colpaccio di mercato “made in Usa” della finestra di gennaio. Daryl Dike, centravanti classe 2000 in prestito da Orlando City, autore già di 8 gol in 14 partite. Numeri importanti, con colpi… alla Lukaku.

COME LUKAKU – Non lo diciamo noi, è stato il compagno di squadra Jordan Williams ad accostarlo al poderoso centravanti dell’Inter dopo il bellissimo gol al Birmingham City del 6 marzo scorso. Un concentrato di atletismo che è indubbiamente uno dei punti di forza di Dike: 188 cm per 100 kg di peso, un fisico da giocatore di football americano ma assolutamente attrezzato per dire la sua anche su un campo di calcio. E sia benedetta la decisione dei genitori, emigrati dalla Nigeria in Oklahoma per cercare maggiore fortuna, di proibirgli gli allenamenti di football perché giudicati troppo violenti e pericolosi. Del resto, il soccer – come lo chiamano Oltreoceano – è un affare di famiglia: il fratello Bright ha giocato nella nazionale nigeriana e la sorella Courtney ha partecipato persino al Mondiale femminile del 2015. Tutti tifano per l’Arsenal, ad eccezione di Daryl, il cui cuore batte per il Chelsea, squadra dove peraltro ha militato per un certo periodo proprio Lukaku.

CHE OCCASIONE – E i Blues, insieme ad altre importanti formazione di Premier League, avrebbero già preso le prime informazioni su una delle autentiche rivelazioni della seconda metà di stagione in Championship. I gol – 5 nelle ultime 5 giornate – parlano per loro ma, oltre alla forza fisica, c’è di più. Orlando City, club che lo ha formato calcisticamente dopo il percorso universitario, ha già fiutato l’affare e avrebbe respinto nelle settimane scorse un’offerta di circa 13 milioni di euro. Il Barnsley ha un’opzione di riscatto a 20 milioni (più una percentuale su una futura rivendita), esercitabile solo in caso di promozione, dunque tutt’altro che certa. Si chiama Dike, viene dall’America e il suo nome fa rima con occasione.

FONTE: calciomercato.com

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button