Serie A

Discriminarte, la presentazione dell’evento di Luca Ascione a Palazzo Caracciolo

Evento Discriminarte – A pochi giorni da Discriminarte, la prima mostra di Luca Ascione che si terrà il 1 giugno presso la splendida struttura napoletana di “Palazzo Caracciolo”, l’artista ha presentato l’evento di beneficenza che ha il nobile scopo di abbattere il muro della discriminazione: “Discriminarte nasce qui dove ho consegnato le mie opere ai calciatori, molti di questi le mostrano a tutti. Qui a Palazzo Caracciolo un mio amico mi chiese perché non fare una mostra. Da quel momento decisi di farla ma lasciando un messaggio. Volevo sposare la mia idea: siamo diversi, nessuno è uguale all’altro ma non per situazioni diverse. Ecco che pensai alla Discriminarte”. Importante anche la collaborazione di Valerio Savino, fotografo ufficiale della mostra, fotografo nella vita e vincitore di numerosi premi.

Evento Discriminarte, ecco chi sarà presente

“Ci sarà Pasquale Schiattarella della SPAL, che aprirà una accademia di calcio che insegnerà calcio e come vivere nella zona Chiaiano che è davvero particolare. Ci sarà anche il pallavolista Simone Parodi. Verrà con un disegno che conosco solo io sulla discriminazione nel mondo della pallavolo e dello sport. Poi ci saranno l’attore di Gomorra, Gianni Simioli, ed il capitano del Napoli calcio a 5. Lui e Schiattarella hanno messo all’asta le proprie maglie che saranno battute all’asta entro il 28 maggio”.

“Si parte dal calcio, ma Discriminarte è una forma di unione tra popolo. Sono quattro opere di iperialismo. Ogni quadro ha 80-90 ore. Due sacerdoti uno bianco e di colore, che entrambi posso essere uguali e fare la stessa scelta di vita. Un altro quadro è dato da un avvocato e un operaio uniti da un’amicizia, persone che si conoscono da tanto tempo si dividono per il lavoro. Poi ci saranno due ragazze, la mia fidanzata e una di colore che si terranno per mano per lanciare il messaggio dell’unione. Noi siamo unici al mondo, ma siamo tutti diversi. Discriminazione che non dev’essere fatta. Poi ci sarà una mio autoritratto. Qui ho sottolineato le diversità nelle fasi della vita, a cui ci sappiamo adattare portandoci ad essere belli anche in diverse occasioni”, ha spiegato Ascione.

Durante la conferenza ha preso la parola anche Barbara Brunelli, general manager di Palazzo Caracciolo: “Ci ha colpito l’argomento della mostra, condividiamo il mondo dello sport e del calcio. Palazzo Caracciolo nasce in una zona non facile. Qui si conosce bene cos’è la discriminazione. Sappiamo cos’è la discriminazione rispetto a coloro che arrivano in questa zona e città. Noi interagiamo con gli artigiani del luogo, ricchezza di questo territorio. Il futuro è invece la scuola Bove qui di fronte. Stessa cosa per Discriminarte che ci ha scelto. Ringrazio Luca Ascione”.

Infine, la Less ONLUS ha rilasciato queste dichiarazioni: “La nostra ONLUS nasce nel ’99 contro ogni discriminazione e pregiudizio. Serve alla tutela e accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo. Lavoriamo in stretto contatto con il comune di Napoli e Procida, ma anche con diverse aziende e enti che organizzano laboratori e formazione per coloro che scappano. Ringrazio Palazzo Caracciolo che ci appoggiano con gli stessi ideali. Una bella mostra, che arriva in un momento storico importante”.

A cura di Pasquale Barbato.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button