Serie Minori

Equipe Campania, altri arrivi nella rosa dei “disoccupati”

Lavoro di forza, come ogni martedì sotto la direzione del Prof. Franco Esposito, per il roster napoletano dell'AIC Equipe Campania a Mugnano

Equipe Campania, altri arrivi nella rosa dei

Lavoro di forza, come ogni martedì sotto la direzione del Prof. Franco Esposito, per il roster napoletano dell’AIC Equipe Campania che, dal 12 luglio, si raduna presso il “Vallefuoco” di Mugnano.

Si è aperta così la seconda seduta settimanale di allenamenti, a cui non ha preso parte Alfredo Varsi che, proprio nel giorno del suo 27° compleanno, si è accordato con l’Angri, dove raggiungerà Luciano Arciello e Gennaro Cozzolino. Successivamente, dopo ulteriori test atletici, il gruppo si è disimpegnato nella consueta partitella di fine allenamento.

Ad arricchire la rosa di Tudisco, Maisto e Rinaldis sono stati i gemelli classe 2001 Alessandro e Gianluca De Marco, il primo centrocampista poliedrico, il secondo esterno offensivo. Entrambi avevano partecipato all’edizione 2020 prima di accasarsi all’Audax Cervinara. Fresco di nomina come Coordinatore tecnico del settore giovanile dell’Afragolese, e dopo un ottimo campionato alla guida della Barrese, Massimo Perna è venuto a visionare i lavori dell’Equipe a Mugnano, non mancando di evocare il periodo in cui ad occuparsi del gruppo, in tandem con Guglielmo Tudisco, è stato lui.

“È sempre un piacere tornare qui, dove ho lavorato prima da calciatore e poi da allenatore – l’esordio del tecnico barrese, all’Equipe nel 2019 -. È stato bello salutare anche Antonio Trovato che è un amico. Con la Barrese, per me che sono del quartiere, è stata una esperienza magnifica, abbiamo fatto ottime cose. Grazie al bel gioco e ai risultati, ci siamo divertiti. Dispiace che il progetto si sia interrotto ma mi auguro che il calcio torni presto a Barra. Il quartiere lo merita, come lo meritano le persone che mi hanno scelto, uomini perbene. Mio fratello Fabio? Con me ha fatto benissimo già da quando eravamo in Promozione. Lui ha pensato anche al lavoro prima che a fare il calciatore. Ma può ancora dire la sua e lo ha dimostrato”.

FONTE: notiziariodelcalcio

Articoli correlati

Back to top button