De Laurentiis su De Rossi: “Lo prenderei: ma non è che hanno già venduto la Roma?”

De Laurentiis su Sarri

De Laurentiis su De Rossi, le parole del patron del Napoli sul giallorosso e non solo: ecco le dichiarazioni rilasciate durante la Race for the Cure

De Laurentiis su De Rossi, con il presidente del Napoli che al Circo Massimo per la Race for the Cure, la quattro giorni dedicata alla prevenzione e alla salute delle donne, ha parlato alla stampa.

De Laurentiis su De Rossi

Si parte dal caso De Rossi e la Roma: “De Rossi? Lo prenderei subito. Anche con problemi fisici ed anagrafici è un uomo di sport e ha manifestato la sua voglia di fare l’allenatore. Io ho avuto dei rapporti diretti con il padre, che cura bene la Primavera, e sono sicuro che De Rossi sarà ancora un vincente trovando la sua squadra. La sua vita è il calcio, è giusto non abbandonarlo. Ma non è che hanno già venduto la Roma e nell’impegno di vendita ci sia anche un cleaning dal passato? Altrimenti lo trovo come uno sbaglio di tempi pazzesco. Se la proprietà dovesse restare la stessa sarebbe stata gestita male la situazione, bisognava aspettare il finale di stagione e trovare una soluzione in maniera riservata”.

Passaggio poi sull’addio di Allegri alla Juventus: “Agnelli è stato molto chiaro. Poi un po’ di dietrologia può sempre esserci, con l’uscita dalla Champions e tutto quello che ne consegue. Il problema è che dopo cinque anni è difficile motivare ancora i giocatori e il pubblico. Agnelli ha fatto un discorso inappuntabile, dicendo che la società è centrale in ogni decisione, la vera dea di questo sport. Le proprietà cambiano (anche se quella della Juve no), ma la società resta e conta di più. Per cui è giusto che la società si preoccupi e vada avanti. E per andare avanti è normale che ci voglia un rinnovamento”.

TAG