Serie A

Fiorentina, Montella: “Dispiace per la squalifica di Ribery, ma non faremo ricorso”

Alla vigilia della sfida in casa del Sassuolo, il tecnico della Fiorentina Vincenzo Montella ha rilasciato queste dichiarazioni in conferenza stampa parlando innanzitutto di quanto avvenuto contro la Lazio: “Sono andato un po’ oltre le righe, forse neanche tanto, ma la squalifica è giusta. Ci dispiace molto per quello che è successo, ma ora è giusto abbassare i toni”.

La conferenza di Montella alla vigilia di Sassuolo – Fiorentina

“Se sono preoccupato per le assenze di Caceres, Lirola e Ribery? Avevo già detto che avrei cambiato, non sono preoccupato. Sono gli stessi che avrei fatto riposare, anche se non si fossero infortunati. Probabilmente a centrocampo qualcosa cambierò, altro non ti dico. Chiesa? Federico arriva stremato alla fine delle partite, ma a livello fisico è un top e può fare anche tre partite a settimana”.

Montella su Ribery

“Ribery? Abbiamo un bellissimo rapporto, sapevo che poteva risentire del cambio anche se al momento non mi sono accorto della sua reazione. Ci siamo parlati, gli ho spiegato le mie ragioni e lui ha capito. Parliamo di un grande campione, ma ha 36 anni e va gestito. Pochi minuti prima che uscisse aveva accusato un affaticamento al polpaccio, la decisione è stata giusta”.

“Ha dimostrato ancora una volta di essere un grande campione chiedendo scusa a tutti. Dispiace per la sua squalifica, ma dobbiamo guardare avanti. Siamo attesi da una partita molto difficile contro un avversario forte. Ci siamo confrontati con la società e accettiamo la decisione del Giudice Sportivo, per questo motivo non faremo ricorso”.

Montella su Vlahovic e Boateng

“Chi prenderà il posto di Ribery in attacco? Vedremo, abbiamo ancora un allenamento da fare. Di certo Vlahovic sta meglio di Pedro in questo momento, ma deve ancora migliorare nella partecipazione in una partita. Boateng adesso dà altre garanzie, ha esperienza e può darci qualcosa in più nella lettura della gara”.

Ciro D'Auria

Napoletano classe '95, laureato in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Al di là della passione viscerale per il calcio, nutre un grande interesse per il basket e il tennis, oltre che per l'arte e il gaming.

Articoli correlati

Back to top button