Champions League

Champions League, Non più Istanbul ma Porto

Sabato 29 maggio la Champions League eleggerà la sua vincitrice. La sfida è tutta British, tra Manchester City e Chelsea

Manca sempre meno e la finale delle finali si consumerà sul campo. Con i tifosi, finalmente, seppur in percentuale ridotta. Sabato 29 maggio la Champions League eleggerà la sua vincitrice. La sfida è tutta British, tra Manchester City e Chelsea.

LA FINALE: CITY FAVORITO, MA OCCHIO AL CHELSEA

Alla fine forse se la giocheranno le due più forti, o forse quelle che hanno meritato di più alla luce delle partite che la Champions League ha visto giocare quest’anno. Il Manchester City di Guardiola, spinto dalla vittoria in Premier, peraltro con largo anticipo, è alla sua prima finale europea. Che sa tanto di consacrazione: i Citizen lavorano da anni ad una vittoria che solo il tecnico catalano poteva costruire. Pep dal canto suo ha voglia di rivivere quei trionfi che già ebbe modo di vivere col Barcellona. E forse anche per scrollarsi di dosso l’etichetta del vincente solo il salsa catalana. Il City parte favorito, con una squadra al top della condizione e come appare chiaro anche dalle quote sull’evento di sabato 29 maggio.  1.95 il trionfo per gli uomini di Guardiola, la quota fissata dall’operatore di scommesse sportive Campobet, arrivati al meglio possibile e francamente circondati da un’aurea che sa quasi di invincibile. Ma davanti a loro i Citizen troveranno, paradossalmente, l’avversario peggiore.

Il Chelsea ha svoltato con Tuchel: mandato via da Parigi con l’accusa di essere un perdente, nonostante una finale strameritata e persa solo contro i colossi del Bayern, il tecnico tedesco si è preso la sua rivincita. Non solo ha stravolto i Blues dopo l’avvio shock con Lampard, ma ha anche svoltato positivamente la stagione eliminando il lanciatissimo Real Madrid e chiudendo difatti l’era Zidane. Nelle semifinali, col pareggio all’andata e la vittoria di Londra, il Chelsea ha fatto vedere tutto quanto di buono seminato da Tuchel: quantità, tantissima, e qualità, eccellente. Calcio dinamico e propositivo, che non premia il palleggio di “guardiolana memoria” ma che risulta essere gradevole e soprattutto efficace.

Il Chelsea, peraltro, oppone al City una squadra che mixa benissimo gioventù ed esperienza. E può inoltre contare su un centrocampo che tra Jorginho e Kanté garantisce quantità e qualità. Partita ostica per la quale non è possibile avanzare pronostici troppo scontati. Il Chelsea parte sfavorito, anche per i bookmaker, ma la sensazione è che per Tuchel ci sia voglia di rivalsa e riscatto. A stabilire il verdetto sarà, come sempre, il campo. Ma quel che è certo è che il meglio del calcio di oggi è qui. City e Chelsea in campo, con vista sul Regno Unito. Il 29 maggio si saprà chi tra le due risulterà essere la migliore.

Articoli correlati

Back to top button