ApprofondimentiSerie A

Il campionato sarà sospeso per Coronavirus, non è una questione di se ma solo di quando

Il campionato rischia di essere sospeso con la minaccia Coronavirus. La domanda da porsi non è se verrà sospeso ma quando verrà sospeso.

Il campionato sarà sospeso per Coronavirus, non è una questione di se ma solo di quando

Fossimo in un fumetto degli anni novanta, probabilmente ci sarebbero i bivi. Se scegli quello sbagliato si conclude la storia, quell’altro va avanti con un sacco di avventure, notizie e novità. Il problema è che da due settimane, dal paziente 1 di Codogno, andiamo avanti con una situazione apparentemente insostenibile.

Quella di avere un campionato rimandato, rimandabile, a porte chiuse. Un mondo che è probabilmente infetto ma che preferisce mettere la testa sotto la sabbia, mentre in Italia non puoi entrare in Lombardia, in altre province dell’Emilia, con la sola fortuna di non scavalcare il Rubicone di Giuliana memoria.

Il dado è tratto, probabilmente già da un po’, ma siamo qui a tirarlo per le lunghe. Verrebbe da chiedersi perché, ma da un altro lato bisogna pensare a chi è più debole, alle persone immunodepresse, a un vaccino che non c’è (ancora).

Intanto il calcio va avanti, forse. Ora, la percentuale è altissima per i calciatori ma lo è per chiunque di noi, figuriamoci per le persone che vengono a contatto con chi in campo ci va davvero. La realtà è che il calcio italiano è chiuso per Coronavirus. Fosse una vignetta dei fumetti saremmo felici. Invece non lo saremo, oggi o fra due settimane, limitandoci a essere chiusi.

Articoli correlati

Back to top button