Champions League

Atalanta, Gasperini: “Contro lo Shakhtar vogliamo fare punti. Gomez? È in dubbio”

Gian Piero Gasperini su Atalanta – Shakhtar Donetsk seconda gara di Champions League per la formazione orobica che giocherà domani pomeriggio alle ore 18,55.

Gasperini su Atalanta – Shakhtar Donetsk

Il tecnico parte dalla gara di domani contro gli ucraini:

“Non devo scoprire io lo Shakhtar, per la squadra parlano i risultati, non solo in campionato ma anche in Champions dove è stata capace di fare partite contro squadre importanti e ad altissimi livelli, hanno una grande abitudine a giocare partite di questo livello. Noi dobbiamo imparare in fretta, abbiamo molta curiosità di capire quanto possiamo competere contro squadre come questa”.

Qualche dubbio di formazione per Gasperini che potrebbe non avere a disposizione il Papu Gomez:

“Bisogna valutare come sta il Papu, Muriel non è al meglio ma c’è. E’ abile e arruolato per la partita di domani. Non parlerei di turnover, la nostra formazione è composta da almeno sedici titolari. La gara di domani non sarà condizionata dal turnover (ride ndr)”.

Nella seconda gara di Champions League, l’Atalanta vuole riscattarsi dopo la brutta prestazione contro la Dinamo Zagabria:

“Dopo Zagabria abbiamo voglia di fare qualche punto, affinchè non sia solo una partecipazione e stop. Siamo contenti di far venire tanta gente bergamasca a Milano, speriamo sia una serata memorabile. Poi, finalmente ritroveremo il nostro stadio domenica prossima, avremmo voluto giocare questa competizione a casa nostra ma non è stato possibile”.

Gasperini non vuole brutte sorprese domani contro lo Shakhtar:

“A Zagabria non abbiamo avuto un impatto semplice con la Champions, ci ha un po’ sorpreso. Forse eravamo abituati a qualcosa di diverso. Da quella partita abbiamo tratto alcune conclusioni che ci aiuteranno, per quanto dolorosa è stata molto utile. Adesso vedremo se anche domani, contro una squadra forte, sapremo trarre indicazioni da quella partita”.

Servirà per fare bene anche una mentalità diversa:

“Qualcosa di diverso l’abbiamo messo in campo già subito, dopo Zagabria. La Champions è la competizione più forte al mondo, è sicuro. Le squadre che ci giocano sono di alto livello, le migliori. Quando hai la bravura di partecipare a questo tipo di manifestazione trovi il meglio, e poi puoi trarre alcune indicazioni e te le devi portare dietro. Due anni fa la partecipazione in Europa League ci ha consentito di essere competitivi successivamente e fare anche meglio. Ne usciremo migliori, da questa esperienza”.

Domani Atalanta che, causa il rifacimento dello stadio, giocherà allo Stadio San Siro:

“Non abbiamo paura di giocare a Zagabria oppure a San Siro, neanche il timore. Speriamo che l’effetto ‘San Siro’ ci sia, questo si, ma che sia positivo. Sarà riempito dai tifosi bergamaschi, quindi questo mi fa molto piacere”.

Malinovsky, un infiltrato tra le fila della Dea:

“Ruslan ci ha detto tutti i segreti che avete, sappiamo tutto di voi (Gasperini ride, rispondendo ad un cronista ospite). Abbiamo portato in conferenza solo Duvan, purtroppo potevamo portare solo lui. Tornando a Malinovskyi, è un calciatore che durante la stagione farà molto bene, magari già domani. E’ un ragazzo di grande valore, non è facile arrivare in Italia ed entrare con la sua personalità”.

Chiusura dedicata a Paulo Fonseca, attuale tecnico della Roma, che in passato ha allenato la squadra ucraina:

“Sappiamo tutti cosa ha fatto con lo Shakhtar, sta facendo bene anche a Roma in un ambiente nuovo e difficile. Domani dobbiamo fare la partita perfetta, sotto l’aspetto tattico e mentale”

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio